Prospettiva Danza Teatro 2018

PDT18La 20ª edizione di Prospettiva Danza Teatro, quest’anno intitolata Visioni sul corpo, porta con sé gradite novità. Il programma 2018, che si svolge tra aprile e maggio, si presenta infatti come un festival diffuso che propone allestimenti di danza internazionale e nazionale, ma anche residenze coreografiche, eventi di danza urbana, incontri e laboratori, nonché l’atteso Premio PDT 2018, concorso europeo per giovani coreografi. Le molteplici collaborazioni innescate quest’anno dalla direzione artistica porteranno così la danza da Piazza Duomo all’MPX Multisala Pio X, dall’Agorà del Centro Culturale Altinate San Gaetano al Museo Diocesano nonché al Teatro Comunale G. Verdi. Le residenze, infine, si svolgeranno presso la Banca Etica e il Teatro Torresino. Una prestigiosa edizione dunque, inserita all’interno del format Universi Diversi, che non mancherà d’incontrare il favore della città.
Andrea Colasio
Assessore alla Cultura

1998 – 2018: eccomi a qui a festeggiare insieme i vent’anni di Prospettiva Danza Teatro. Un traguardo prestigioso ed emozionante che testimonia la qualità, la vitalità e la ricchezza dell’arte coreutica e l’incessante volontà di continuare con tenacia il progetto iniziato vent’anni or sono. A dispetto della crisi, delle difficoltà che travolgono il settore culturale c’è ancora voglia di produrre cultura, di incuriosire, di riflettere e proporre al pubblico sempre nuove ed avvincenti avventure. Un grazie di cuore al Comune di Padova da sempre attento sostenitore del Festival, che ha accolto da subito l’importanza del progetto artistico nelle sue innumerevoli sfumature e proposte e che ha saputo sostenere con lungimiranza la Creatività e la Danza. Vorrei elencare ogni artista che si è esibito in questi vent’anni nei teatri e nei luoghi della nostra città, ma non basterebbe lo spazio di questo breve scritto per raccontare la bravura, il talento e l’eccezionale qualità di ogni singolo lavoro. Preziose collaborazioni inoltre arricchiscono la ventesima edizione del Festival: l’Università degli studi di Padova, il Festival Biblico, il Museo Diocesano, il progetto Anticorpi ResiDance XL, la Scuola di Musica Gershwin, la Banca Etica. Con loro ho condiviso un’idea, un progetto, aperto un dialogo stimolante ed un confronto sulle tematiche relative al Corpo, alla Danza, alla Musica e alle Arti Figurative.
Visioni sul corpo, il sottotitolo di questa edizione si interroga sulla centralità del corpo sulla scena, sulla sua dimensione potentissima, fragile, spirituale, umana e scenica. Un corpo tecnicamente addestrato ed allenato come quello di un danzatore occuperà la scena sulla base di proposte coreografiche differenti nello stile e nella tecnica, dal classico al contemporaneo, dalle tecniche performative a quelle legate all’improvvisazione e all’utilizzo della voce. Ma anche altri Corpi racconteranno una storia attraverso l’esperienza della Community Dance e del progetto La Città si Muove. Quartieri in danza giunto alla seconda edizione. La danza diventa, in questo caso, un’esperienza sociale di aggregazione dove ogni persona senza particolari doti e abilità potrà sperimentare e compiere un percorso dove il gesto, il movimento istintivo daranno vita a situazioni artistiche e poetiche. Una nota di prestigio è il Premio Prospettiva Danza Teatro giunto alla nona edizione. Punto di riferimento per la ricerca coreografica ha individuato e promosso in questi anni coreografi che hanno ottenuto risultati eccellenti e che svolgono la loro attività artistica con successo in Italia e in Europa. Un ringraziamento per il prezioso sostegno alla Fondazione Cariparo, alla Fondazione Creativamente e a Arteven. Un grazie infine al pubblico che ci segue da anni con entusiasmo e fedeltà e che rappresenta il motore indispensabile per continuare con coraggio e dedizione il nostro viaggio insieme. Buone Visoni!
Laura Pulin
Direttore artistico