DUST – POLVERE

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
08/05/2015
20:45 - 23:00

Luogo
Teatro Comunale "Giuseppe Verdi" - sala Ridotto

Categorie


Proposto da Teriaca su progetto di Compagnia della Quarta
Choreographer: Mario Coccetti
Music and sound creator: Andrea Rizzi
Visual Designer: Sara Caliumi
Light Designer: Paolo Bonapace
Performers: Fabrizio Molducci, Simone Maurizzi, Mario Coccetti

La polvere copre, la polvere sotterra, la polvere nasconde ai nostri occhi ciò che si vuole perdere.

Le cose dimenticate e abbandonate sono quelle che, nel tempo, ci hanno trasformato in altro.

La polvere è memoria, vincolo e limite di due mondi: il prima e il dopo.

È il passaggio in cui si perde ciò che si era per dare spazio a ciò che si è.

Eppure basta un alito di vento affinché tutto cambi perché la polvere è un monito per le cose nascoste e che possono essere ritrovate.

DUST, sperimentando tra diversi codici d’espressione artistici, si compone nell’azione contemporanea di più linguaggi, ognuno indipendente dall’altro e concorrente nel creare un’unità indispensabile che fonde tra loro LUCE, intesa come dimensione spaziale, CORPO, inteso come segno che trasforma i cicli di esperienze, e MUSICA, intesa come regia che unisce i vari linguaggi. I corpi in scena si rivolgono al mondo della danza, ma ancora più profondamente ai gesti attoriali, amplificando in una sorta di cortocircuito l’impatto narrativo ed emotivo della messa in scena; video e luci coesistono col compito comune di ricreare la dimensione spaziale/emotiva della scena, lavorando sull’essenzialità per esaltare il gesto attoriale; la musica è il tempo che regola lo svolgersi dell’azione/narrazione nello spazio, la forza invisibile che tiene insieme la materia. Il loro ricombinarsi contemporaneo, tra armonia e disarmonia, dà vita ad una realtà nuovamente unica, a tratti deformata e deformante, che fa riaffiorare una coscienza percettiva individuale, nello stesso tempo avvertita come molteplice a seconda della posizione dell’osservatore/spettatore.

Attraverso la lettura di gesti semplici, quotidiani, fortemente emotivi ed emozionali, i “corpi attoriali” dei performers alternano fasi statiche e dinamiche, aperture e compressioni all’interno di una “struttura” definita da luce e musica: il gesto diventa il tramite di un pensiero reale che esula dall’estetica e dalla dinamica della danza.

DUST è un progetto presentato  al Reverb Dance di New York e vincitore del premio Prospettiva Danza 2014

A luglio 2015 sarà ospite al CCB (Center for Choreography Bleiburg – Austria)
www.compagniadellaquarta.it

dust - polvere